, ,

Mondiali 2018: il capitano del Messico è nella lista nera degli Stati Uniti D’America

Incredibile ma vero Rafa Marquez, capitano del Messico che si sta giocando il Mondiale 2018 in Russia, è nella black-list degli Stati Uniti d’America

rafa marquez lista nera

Il Messico è fra la sorprese del Mondiale Russia 2018, attualmente capolista sopra alla Germania e con un piede e mezzo agli ottavi. Ma a fare notizia non è stata solo l’incredibile vittoria contro i campioni del mondo in carica all’esordio nel mondiale. Se i festeggiamenti della vittoria contro la Germania sono stati rilevati anche dai sismografi, un’altra vicenda molto importante riguarda la squadra e pare sia addirittura una questione di Stato, di liste nere e di flussi di denaro che sono sotto torchio e accusa perché di dubbia provenienza.

Il capitano de El Tricolor Rafa Marquez, nato nel 1979, è balzato al centro delle cronache per uno scontro con la Casa Bianca che va avanti da un anno ormai. Tutto è cominciato in agosto 2017, quando il nome di Marquez è comparso nella lista nera del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti d’America.

 

Rafa Marquez nella lista nera USA: cosa non può fare

Questa vicenda ha segnato dei risvolti unici e assurdi nella storia del mondiale, infatti il capitano del Messico Marquez non può utilizzare le magliette da allenamento uguali a quelle indossate dai suoi compagni di squadra, inoltre non può bere dalle bottigliette di acqua della marca sponsor. Fra le restrizioni non può neanche rilasciare alcuna intervista se alle sue spalle sono presenti cartelloni pubblicitari in evidenza con loghi di aziende statunitensi. Ma non finisce qui, perché il capitano de El Tricolor è impossibilitato alla nomina di Uomo Partita, in quanto questo premio è sponsorizzato dal brand americano Budweiser, pertanto non può ricevere altri riconoscimenti del genere. Questo significa che in generale, è impossibilitato a qualunque tipo di accordo commerciale con aziende e banche statunitensi, non può nemmeno incontrare persone di cittadinanza americana durante il corso della sua permanenza in Russia.

rafa marquez lista nera
Marquez con la maglia bianca, diversamente dai suoi compagni

 

Perché il capitano del Messico Marquez è nella lista nera degli Stati Uniti?

Il Dipartimento del Tesoro americano ha intrapreso questo procedimento in quanto sostiene che il capitano del Messico Rafa Marquez insieme alle sue aziende, sarebbero coinvolti in operazioni di riciclaggio di denaro molto vaste che appartengono ai cartelli messicani, questo vuol dire che c’è il sospetto che il denaro provenga dal riciclaggio di utili ottenuti dal narcotraffico. Secondo Sky, Marquez avrebbe agito con lo scopo di favorire Raul Flores Hernandez, sospettato di essere fra i più grandi operatori nel mercato del narcotraffico sul territorio americano. L’accusa è molto pesante e pare che l’ex giocatore di Barcellona e Verona, attualmente difensore dell’Atlas, stia negando con fermezza e decisione le accuse, inoltre ha iniziato una battaglia legale per essere rimosso dalla lista nera.

Intanto ogni movimento economico del giocatore (racconta il New York Times) inerente la sua presenza in Russia, dal pernottamento al pranzo e a tutti i minimi particolari, viene monitorato e studiato dalla federazione messicana e la FIFA in una situazione di diplomazia e trasparenza in concomitanza con gli organi di controllo americani. Uno dei problemi più grandi è stato organizzare ad esempio la conferenza stampa del calciatore, in quanto il moderatore non può essere statunitense. Tutti questi problemi sono stati risolti e Rafa Marquez ha raggiunto un traguardo che pochi giocatori hanno tagliato: questo è il quinto mondiale a cui partecipa. Soltanto calciatori del calibro di Buffon e Matthäus ci erano riusciti prima d’ora.

nutella cafè new york

A New York è in arrivo il Nutella Cafè: ecco i dettagli

seattle

Seattle, sostanze oppiacee rinvenute nelle cozze della baia